Cloud Software Development: Nuovo corso JAC & Microsoft

Pubblicato il 8 Giugno 2020 Categoria:

Cloud Software Development: Nuovo corso JAC & Microsoft

JAC presenta un nuovo corso co-progettato con Microsoft, nell’ambito del progetto Ambizione Italia.

Il progetto Microsoft Ambizione Italia ha lo scopo di incoraggiare l’innovazione abilitando nuovi modi di lavorare, flessibili e digitali.

Il perseguimento di questo scopo ha generato una stretta collaborazione tra JAC e Microsoft, che ha portato alla progettazione di un nuovo corso nell’area tecnologica di JAC: Cloud Software development, il corso che forma specialisti nello sviluppo di applicazioni cloud native a microservizi.

Questo nuovo corso rappresenta un’eccellenza unica che è stato progettato insieme a Microsoft in relazione al fabbisogno del mercato di disporre di giovani risorse specializzate nello sviluppo di applicazioni progettate nativamente per il cloud.

L’obiettivo del corso è infatti di formare sviluppatori software in grado di realizzare applicazioni cloud e service-oriented.

Scopri i dettagli del nuovo corso in questo articolo.

Indice:

Cloud Software Development: cosa imparerai nel corso

Il nuovo corso si pone l’obiettivo di formare dei futuri “cloud software developer”, degli specialisti in grado di sviluppare applicazioni software interamente “cloud oriented”.

Il corso consente di ottenere anche due Certificazioni Microsoft specialistiche: “Azure Developer Associate” e “Azure DevOps Engineer Expert”, rispettivamente al primo e al secondo anno del biennio di studi.

Di seguito alcuni degli argomenti che si affronteranno durante il biennio di questo nuovo corso.

Api first

Per Application Programming Interface (API) si intende l’insieme delle modalità con cui un elemento software può essere utilizzato.

In questo corso si impara a sviluppare software con un approccio orientato alla definizione e progettazione preliminare delle API.

Serverless computing

Per Serverless Computing si intende un approccio all’esecuzione di software in Cloud in cui il software viene eseguito senza dover esplicitamente definire e configurare una o più macchine server (seppur virtuali).

Durante il biennio si impara a realizzare software che possano essere eseguiti in modalità serverless.

Microservice architecture

Si tratta di un approccio di progettazione del software in cui a sottoinsiemi delle funzionalità offerte vengono fatti corrispondere servizi Web separati, così da decomporre l’applicazione finale in un insieme di servizi mirati interagenti.

Nel percorso di studi del corso, si impara a progettare e realizzare software secondo l’approccio a microservizi.

Cloud computing

Si tratta di un approccio all’esecuzione del software basato su server (di norma virtuali) che sono resi a disposizione su Internet e la cui gestione è semplificata e orientata al considerare l’infrastruttura server come un servizio.

Nel corso si impara a realizzare software che vengano eseguiti su infrastrutture di cloud computing in modo nativo.

CI/CD

CI/CD è l’abbreviazione di “Continuous Integration” (CI) e “Continuous Deployment” (CD), ovvero tecniche che consentono di modificare e rendere eseguibile il software in modo rapido e automatizzato.

Nel corso si approfondiscono queste tecniche e si impara ad utilizzare efficacemente insieme agli strumenti di Continuous Integration e Deployment.

Software Container

Con software container si intende un ambiente virtuale di esecuzione del software che rende indipendente l’esecuzione del software sviluppato dalla specificità del server su cui verrà eseguito.

Nel corso si impara a utilizzare strumenti per sviluppare software che sia eseguibili all’interno di container.

Moduli tecnici principali: hard and soft-skills

Primo anno 

Il primo anno di studi prevede 450 ore di moduli tecnici e 180 ore di moduli trasversali per formare gli studenti del corso sulle cosiddette”soft-skills”, sempre più richieste e determinanti nel mondo del lavoro. Come specificato sopra, durante il primo anno gli studenti del corso avranno l’opportunità di ottenere anche una certificazione specialistica da Microsoft: “Azure Developer Associate”.

Inoltre, come ogni percorso in JobsAcademy, sono previste 400 ore di stage in azienda, per mettere in pratica ciò che si è imparato in aula e applicarlo concretamente in situazioni lavorative reali.

Questi sono alcuni dei moduli tecnici principali che verranno affrontati durante il primo anno:

  • Back-end programming;
  • Front-end programming;
  • Develop for storage;
  • Develop infrastructure as a service compute solution;
  • Develop a platform as a service compute solution.

Secondo anno 

Il secondo anno di studi prevede meno ore di moduli tecnici, nello specifico 390 e lo stesso numero di ore di moduli trasversali, per lasciare maggior spazio al secondo stage formativo, della durata di 440 ore, che risulterà decisivo per l’inserimento dello studente all’interno del mondo del lavoro.

Come nel primo anno, si potrà ottenere un’ulteriore cerificazione specialistica rilasciata da Microsoft a completamento del percorso biennale: “Azure DevOps Engineer Expert”.

Di seguito alcuni dei moduli tecnici principali del secondo anno di studi:

  • Service oriented architecture;
  • Design a DevOpsStrategy;
  • Implement continuous delivery;
  • Implement DevOps development processes.

*il fine-tuning dei contenuti sarà la prima attività con le aziende partecipanti

Vantaggi per le aziende

La progettazione del corso “Cloud and Software Development” prevede un forte coinvolgimento da parte delle aziende in fase di erogazione delle ore di formazione tecnica e di stage in azienda, dove si prevede che le aziende partner accolgano gli studenti specialisti del corso.

Si tratta di stage personalizzati progettati in un’ottica di un rapporto win-win, dove da una parte l’azienda ha la possibilità di disporre di una o più risorse giovani e specializzate e dall’altra parte lo studente ha l’opportunità di mettere in pratica la teoria appresa in aula e maturare esperienza nel mondo del lavoro.

Il rapporto win-win in questione prevede che la Fondazione JobsAcademy metta a disposizione la propria struttura, composta da aule attrezzate e laboratori specialistici per l’erogazione dei corsi. Inoltre, si occuperà di gestire tutta la formazione trasversale degli studenti, mettendo a disposizione professionisti che formeranno gli studenti del corso sulle soft-skills.

Di seguito i vantaggi per le aziende nel partecipare a quest’importante iniziativa di JAC e Microsoft:

Conoscenza, formazione ed educazione dei futuri lavoratori;

Progettazione condivisa e focalizzata sui fabbisogni reali;

Forte ingaggio dei partecipanti;

Selezione dinamica dei bacini territoriali.

Il corso partirà ad ottobre 2020 e viene erogato dalla Fondazione JobsAcademy in collaborazione con Microsoft.

SCOPRI DI PIÙ SUL CORSO